Detrazioni fiscali 2016

Agevolazioni fiscali ristrutturazioni 2016

Detrazioni fiscali serrature al 50 per cento

Anche per l’anno 2016 saranno prorogate le detrazioni per interventi di manutenzione straordinaria della prima casa ed iva agevolata ridotta al 10%.

E’ importante affidarsi ad un artigiano, certo perché uno specialista in serratura come un fabbro applica l’iva al 10 per cento a privati, comodatari e società cooperative, mentre molte attività commerciali che lavorano all’esterno debbono avere dipendenti con inquadramento al fisco e alla camera di commercio e quindi un’assicurazione ed un regime di tassazione atto allo svolgimento delle attività artigiane per le manutenzioni ordinare e straordinarie esterne, altrimenti l’iva applicata sarà del 22 per cento. Attenzione a sub appalti e prodotti a basso prezzo.

Il tema delle detrazioni fiscali per serrature, porte blindate e montaggio di serramenti è un tema moto caldo e sentito dagli italiani.

La detrazione del 65% interessa gli interventi relativi al risparmio energetico, fra i quali, nel nostro specifico interesse, l’installazione di porte blindate e serramenti certificati a risparmio energetico ovvero con caratteristiche di abbattimento termo acustico, fono assorbenza ed isolamento termico dentro determinati parametri.

Detrazione serrature al 50 per cento

La detrazione del 50% invece raggruppa anche i lavori di manutenzione straordinaria, fra i quali l’acquisto e l’installazione di sistemi anti effrazione, ad esempio le serrature di sicurezza. E’ fondamentale però essere orientati su prodotti da investimento certificati dagli enti competenti, un esempio concreto sono i nostri prodotti: cilindri e serrature approvati VdS.

Iva 10% per piccole manutenzione, per la prima casa e per le società cooperative

Per le piccole manutenzioni effettuate in una prima casa, come appunto l’installazione delle serrature, dove non vi è molta differenza fra il costo dei materiali ed il costo della manodopera, è possibile usufruire di un aliquota ridotta al 10%. Ecco il modulo da scaricare per beneficiare dell’Iva agevolata.

Solo qualora i costi delle materie prime superino di molto la metà del valore su totale importo in fattura, allora verrà applicata l’iva al 10% solo sull’importo che si ottiene sottraendo il totale imponibile dei materiali con l’imponibile della manodopera, per il resto dell’importo netto rimanente l’iva applicata è del 22%.

Oltre alle detrazioni per serrature e montaggio porte o serramenti il beneficio dell’iva ridotta al 10 per cento viene offerto solo dagli artigiani, fabbri e serraturieri e non dalle vendite dirette generate dalle aziende commerciali. Spesso i montaggi esterni, illegali e non controllati, eseguiti da attività commerciali sono figurati con fattura accompagnatoria ed iva al 22 per cento. Per essere regolare un lavoro svolto da un’attività commerciale il tecnico che lavora per essa deve avere le caratteristiche spiegate nelle prime righe di questo articolo, una visura camerale o il consulto del durc è altamente consigliato se i consumatori hanno dei sospetti e desiderano tutelarsi.

Bonifico Bancario Sepa per ristrutturazioni

Come eseguire il bonifico per ottenere le agevolazioni fiscali

Fra la banca dell’ordinante e la banca del beneficiario si inserisce un meccanismo di compensazione e di regolamento (con ritenute per il beneficiario) che mettono in funzione nel nostro specifico caso, le condizioni per beneficiare delle agevolazioni fiscali. Questo è il concetto di bonifico sepa applicato alle manutenzioni artigiane, non è un bonifico ordinario ma per beneficiare delle detrazioni e può essere suddiviso in bonifico per ristrutturazione edilizia (detrazione 50, manutenzioni, sostituzione serrature ecc…) e risparmio energetico (detrazione 65, infissi, porte ecc…).

Ecco un esempio ci come si esegue il bonifico sepa.

bonifico-bancario-sepa-detrazioni-sostituzione-serrature