Serrature Elettroniche ed Hackering

Se ami le serrature elettroniche di nuova generazione e connesse, le mitiche smart lock, devi investire, devi continuamente aggiornarti, coltivare un’eccellente relazione di fiducia con l’installatore, se non ti aggiorni, se non evolvi,  basta un Hacker e l’effrazione andrà a segno

Un Hacker di professione (o per gioco), monitora, analizza, è la sua indole, il suo goal, deve riuscire a tutti i costi a raggirare il sistema, non sarai tu a fermarlo, non lo sarà quella serratura tecnologica che tu assumi sia definitiva e che non necessiti di aggiornamenti.

Metti mano al portafogli se vuoi restare costantemente aggiornato, la comodità sicura è un investimento per sole persone facoltose.

Poche sono le aziende che ti possono garantire la comodità e la sicurezza in un sol tocco.

La comodità di una serratura elettronica a prezzi bassi invece, espone la sicurezza di casa al pericoloso Hackering o ‘Hackeraggio’.

Ogni brevetto a latere deve essere approvato per entrare nel mercato, potendo fornire, ad un ente autorevole (governi, enti certificativi), il sistema rapido ‘di sblocco’ per poter bypassare gli ostacoli che lo rendono sicuro al pubblico quando questo brevetto/sistema rappresenta un pericolo per persone e cose, ovvero quando il suo servizio al cittadino si trasforma in un disservizio o un pericolo per una comunità.

Un sistema di massima sicurezza deve essere sbloccato, senza romperlo, soltanto da installatori competenti ed autorizzati, che devono garantire la massima protezione e privacy delle informazioni riservate, quelle informazioni che sono esse stesse il valore della sicurezza del sistema.

L’azienda ed il team venditori/installatori di un prodotto dovrebbe essere rigoroso e rigido nella tutela della sicurezza al consumatore.

Tuttavia i prodotti che abbinano l’informatica e l’elettronica devono sempre essere monitorati, controllati e aggiornati, basti vedere un computer quali manutenzioni ricorsive richiede.

Essere sicuri dentro e fuori casa SI, diventare paranoici e ossessionati dalla sicurezza NO! Siete d’accordo con me?

Iniziamo: Reiterazione sull’investimento

Senza un protocollo ed una approccio a fine di investimento, che si traduce in continue manutenzioni, le persone, nel tentativo di risparmiare su questi prodotti e servizi, terranno sempre esposto il fianco se optano per sistemi domotici, informatici, automatici e comodi, pretendendo una longevità senza aggiornamenti e a prezzi bassi.

Da feedback arrivati da persone, sia abbienti che meno abbienti, tutti hanno palesato disconfort nel investire nelle manutenzioni ricorsive.

Conosco clienti molto facoltosi, con una tipica personalità conservativa, che odiano le manutenzioni ricorsive.

La pericolosità di un Hacker “cattivo”

L’hacker esperto è molto geloso del suo lavoro, è un analitico, offre competenze ausiliarie a persone che collaborano con lui, quindi non totalmente affidabili, magari collaboratori aziendali o situazioni dove si prospettano possibili collaborazioni e partnership, esposte ad exit, quindi a portare fuori dall’ambiente, privato e segreto, le informazioni riservate tipiche di un privilegiato e scaltro nerd informatico.

Proprio su questo principio vi è una grande incertezza e comprensibile ansia nel approcciare a sistemi di sicurezza sottostanti ad un protocollo informatico.

I segreti dell’Hackering sono spesso percepiti come informazioni riservate a circoli elitari, ma, contrariamente, sembra invece siano predisposte ad andare fuori controllo.

Da queste exit nascono gravi problemi specialmente se l’Hackering viene fatto, non in modo etico, ma per vantaggi dei quali non ci dilunghiamo in questo articolo, da una personalità malvagia, disonesta e narcisista: l’Hacker cattivo.

Il valore della fiducia stessa è quindi in bilico.

Le aziende che sviluppano sistemi di sicurezza avanzati avranno sicuramente il loro ufficio legale che avrà stilato i patti chiari sui contratti di vendita.

Pertanto sarà fondamentale leggerli prima di acquistare, ma anche prima di dare i consensi al trattamento dei dati se si tratta di un software, ad esempio.

Fateci caso, tutte quelle clausole scritte in piccolo, sui contratti, le leggete?

L’acquirente deve avere un approccio analitico e documentarsi, deve fare tutta una serie di domande a cascata, di chiarificazione e tutelarsi, in primis, in ambito sicurezza e privacy.

Abuso di elettronica, la privacy è in bilico

Sapendo che tanta gente è diffidente sul tema dell’abuso di elettronica in un contesto sicurezza residenziale/privacy, questo articolo ha lo scopo di invitare le persone facoltose ad addentrarsi nella sicurezza passiva e attiva che si avvale dell’elettronica e dell’informatica mettendo in preventivo soltanto alti costi di gestione e assistenza.

A latere questo articolo ha lo scopo di incoraggiare il cliente tradizionalista e conservativo di non uscire dai propri sani principi, avventurandosi in prodotti e servizi low cost, un’apparente comodità che cela poca sicurezza personale e brevi o scarse garanzie.

Tutti noi possiamo apprezzare questo odierno grande cambiamento nel mercato, volto alla comodità e all’uso massivo di elettronica e informatica, delle nanotecnologie, di apparecchiature connesse, che comportano una forte esposizione a vulnerabilità della privacy, all’Hackering e molto altro ancora.

Tanti prodotti meccanici restano tanto apprezzati, da una nicchia di utilizzatori, visti ancora nel loro contesto del controllo dell’utente, per questo ci sono tante persone, ad esempio, che utilizzano chiavi per serrature meccaniche e non sono iscritti su nessun social media.

Aperta parentesi, le opinioni e le fake news sui social, altamente credibili, perché installano pregiudizi, sono un problema soprattutto Italiano ed Europeo, negli States la Tv ha ancora la priorità, chiusa parentesi.

Le serrature meccaniche vincono sul beneficio del controllo ad uomo presente e quindi senza essere, ad esempio, disturbati dalle notifiche sul proprio smartphone, senza aprire ponti agli Hacker di sistema.

Questo controllo, e rilassamento mentale/strutturale, dato dalle serrature meccaniche, lo si ha, appunto, con la funzione detta ad uomo presente della serratura, significa chiudere la serratura a mano come abbiamo sempre fatto, vale per una qualsiasi azione, certa, nel eseguire un’azione importante, utile e consapevole, soprattutto che ci ricorda che è stata portata a termine con successo, senza delegare la stessa ad apparecchiature automatiche che svolgono il lavoro per noi.

Serrature di nuova generazione e smart lock

Se tu non vuoi ricevere le notifiche sul tuo smartphone, che riempiono il tuo display dicendoti: “Serratura di casa aperta”, mentre sei in vacanza, hai solo una possibilità.

Devi affidarti a sistemi di chiusura semplici, il che vuol dire non banali, cioè, avere il totale controllo quando chiudi la tua porta, un principio e un azione fondamentale e conscia che non metta in bilico la tua sicurezza e la tua pace mentale compromessa dalla segnalazione di un qualsiasi dispositivo elettronico.

Le persone scelgono in modo emotivo cosa acquistare, in modo polarizzato, non gestiscono le variabili e quindi le cose difficili. Spesso la comodità è solo la punta dell’Iceberg, che nasconde potenziali problematiche che fanno continuamente mettere mano al portafogli.

A meno che tu non sia un fan della tecnologia e ti piace spendere su di essa, questo articolo rileggilo più volte.

Se credi nella semplicità e nella riservatezza sei sul sito giusto, altrimenti, finché i tuoi amici sono a bordo piscina a gustarsi un Cocktail, in una tersa e tiepida serata tropicale, da una sperduta isola caraibica, a 20.000 Km di distanza, ti ritroverai ad impallidire a terrorizzarti, nel vedere che il tuo cellulare ti segnala la tua smart lock improvvisamente aperta o bloccata.

Come ti senti mentalmente in queste 2 circostanze?

Non mentire e non contravvenire ai tuoi principi

Devi restare costantemente aggiornato e vigile, valuta secondo i tuoi principi e valori, se entri in uno stato di rilassamento e serenità a seguito di:

  1. un controllo meticoloso degli accessi e le notifiche sullo stato delle serrature,
  2. una chiusura manuale della serratura, senza le stressanti notifiche che arrivano sul tuo cellulare e rubano la tanto attesa pace mentale regalata da una serena vacanza o un week end con la famiglia.

Se invece ti senti un Mastino della tecnologia e non puoi far a meno di serrature elettroniche, prendere in considerazione, dal lato informatico, l’autenticazione a due fattori è un valido inizio, ho detto inizio e non la soluzione perché parrebbe…

Poi preparati ad investire, investire e ancora investire, in manutenzione e diventare paranoico e ossessionato dalla sicurezza!